Condizionatori: filtro pulito, fresco garantito!

Aspettavi il caldo? Anche noi!

Finalmente è arrivato! Tutti al mare, tutti a prendere la tintarella… e tutti a caccia di un posto fresco all’ombra.

Paradossale? No, naturale! Il freddo chiama il caldo, il caldo chiama il freddo.

Domanda: si può stare al fresco con 40 gradi all’ombra?

Risposta: certo che sì e dentro le mura domestiche è possibile in diversi modi:

“Una macchina termica in grado di trasferire energia termica da una sorgente a temperatura più bassa a una sorgente a temperatura più alta, utilizzando differenti forme di energia, generalmente meccanica.”

“Solitamente la pulizia generale andrebbe fatta prima dell’inverno (ottobre/novembre); vero è che, a primavera (prima dell’accensione) sarebbe altrettanto opportuno una manutenzione. Dopo mesi senza entrare in funzione, polvere e incrostazioni, possono alterarne il funzionamento e diffondere polveri non proprio positive per la salute.”

Oggi, al punto relativo alla manutenzione, aggiungiamo una nota importante: la pulizia dei filtri del condizionatore.

Cosa sono? Sono degli stadi filtranti che consentono la sanificazione e depurazione dell’aria da microrganismi e odori ambientali.

Un ruolo importante dunque che rende l’aria del nostro ambiente più sano; capirai da questa semplice frase come, pulire i filtri, giova alla nostra salute.

Solitamente i condizionatori (quelli per la diffusione di aria fredda) nel corso dell’inverno restano spenti e, di conseguenza, polvere e batteri possono “mettere radici” proprio nei filtri e da generare, nel tempo, anche muffe che poi vengono immesse nell’ambiente.

Se non sai regolarti su quando e come e perché pulire i filtri, tieni in considerazione due aspetti: all’accensione senti un cattivo odore; l’aria si rinfresca o si riscalda a fatica.

Ma quando è consigliata la pulizia? In generale sono i momenti più idonei: prima che giunga il caldo, quindi prima del suo primo utilizzo; dopo un lungo periodo di inattività.

Serve un tecnico per la pulizia dei filtri? Assolutamente no, è un intervento che rientra nella manutenzione ordinaria; questo vuol dire che puoi fare anche da solo/a!

Come? E’ molto semplice:

  • Cerca sul manuale d’istruzione le indicazioni per smontare i filtri senza rompere niente e staccare la presa della corrente del condizionatore;
  • Sfila i filtri e pulirli con:
  • il getto d’aria di un compressore per togliere ogni granello di polvere (non usare il phone);
  • il getto d’acqua della doccia andrà benissimo. Non avrete bisogno di alcun prodotto specifico, basterà semplicemente togliere gli strati di polvere accumulati;
  • Fai asciugare perfettamente i filtri prima di rimontarli, attivate corrente e godetevi il Vs. condizionatore.

In alcuni casi, il libretto d’istruzione potrebbe consigliarti anche di usare spray igienizzanti o saponi delicati.

Attenzione: qualora all’accensione si dovessero notare dei comportamenti anomali dell’elettrodomestico, o si percepissero odori inusuali, l’apparecchio andrà spento: il filtro potrebbe non essere stato pulito a dovere o, in alternativa, non montato nella corretta posizione.

Inoltre, qualora il filtro fosse particolarmente rovinato, può essere sostituito con uno nuovo. In caso i problemi incontrati non trovassero facile risoluzione, l’intervento del tecnico sarà inderogabile.

Ma… Questo non basta. O meglio, si consiglia un processo dal forte impatto igienizzante: la sanificazione dei condizionatori.

Un processo talmente importante da essere regolato da un Decreto Legge, quello numero 81 del 2008 che prevede l’obbligo legale di effettuare tale operazione almeno ogni due anni.

Un documento noto come il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro; in questo decreto nel capitolo sul Microclima e Aerazione dei luoghi di lavori chiusi si parla esplicitamente della sanificazione degli impianti: “Gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori.”

Un processo di sanificazione, a differenza della semplice pulizia dei filtri, che va effettuata da personale specializzato in quanto si entra a contatto con gas refrigeranti.

A chi rivolgersi? A noi! Perché abbiamo addetti formati proprio per tali operazioni e abbiamo altresì ottenuto la certificazione Fgas:

“Un documento obbligatorio che certifica il personale e le imprese che gestiscono i gas fluorurati (fgas) responsabili dell’effetto serra. E’ una certificazione che non possiamo farci mancare e, per ottenerla, ci siamo rivolti ai migliore del settore: Rina.”

Come vedi, bastano poche e semplici mosse per stare a casa, al fresco e respirare aria pulita!

Non hai un condizionatore e vuoi correre ai ripari?

Hai appena comprato casa ma devi installare nuovi impianti?

Contattaci! Saremo ben lieti di aiutarti e accoglierti a Fara San Martino (Chieti) con i nostri servizi e i nostri prodotti di alta qualità!

Poi anche compilare il form con la tua richiesta oppure chiamarci allo 0872 984107.

Ti aspettiamo per una fresca e salutare estate da trascorrere nei tuoi ambienti quotidiani!

admin

I commenti sono chiusi