Ristrutturazioni edili 2020: novità e conferme per rendere la tua casa ancora più bella

Ristrutturare casa: due parole che da sole fanno tremare i polsi in termini di spese e di pulizie.

 

Ristrutturare casa: soldi, tanti; tempo, tanto (specie per le questioni burocratiche…); fatica, tanta.

Ma il Risultato? Una casa rinnovata all’esterno e all’interno all’insegna della sostenibilità!

Si dice che chi bello vuole apparire, un po’ deve soffrire… E questo vale anche per la nostra casa che ogni tanto ha bisogno di interventi di manutenzione straordinaria.

Se per la pulizia non possiamo purtroppo aiutarti, in merito alla questione economica possiamo darti una mano e lo facciamo subito con un’ottima notizia: le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni sono state approvate, dalla legge di Bilancio dello Stato, anche per questo 2020!

Ed ecco che oggi, con questo articolo di vogliamo spiegare come funziona visto che ci sono alcune novità.

E partiamo subito da queste: la più importante è il Bonus facciate che permette di essere rimborsati del 90% delle spese effettuate (anche se fatte nel 2019). La detrazione fiscale verrà divisa in dieci quote annuali di pari importo.

Nel caso invece si tratti si alberghi e società che hanno immobili per uso strumentale, il bonus facciate è pari al 50%.

Un bel risparmio soprattutto se si pensa che il bonus è diventato autonomo cioè non è legato alla ristrutturazione come accadeva fino allo scorso anno e viene applicato nei casi sia di recupero che di restauro della facciata (condomini e case private).

Attenzione però: “Gli edifici devono trovarsi nelle zone A e B dei piani regolatori, ovvero ad alta densità abitativa. Nella stragrande maggioranza dei casi, gli immobili che si trovano nelle città e nei centri abitati sono quindi agevolati, ma ci possono essere ad esempio nuovi quartieri residenziali che non rientrano in queste due classificazioni (ma sono zone C, quindi con minore densità abitativa). In quest’ultimo caso (edifici non nelle zone A o B), a determinate tipologie di lavori (per esempio, rifacimento del balcone), si può applicare la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie al 50%.” (quifinanza.it)

Tra le spese che possono essere detratte inoltre rientrano:

  • Intonacatura,
  • verniciatura,
  • rifacimento ringhiere,
  • decorazioni,
  • marmi di facciata.

Escluse invece le spesa relative a:

  • Impianti di illuminazione,
  • impianti pluviali,
  • cavi tv.

A questa novità che è sicuramente la più importante vengono riconfermate le tre “storiche” agevolazioni: ristrutturazione edilizia, ecobonus, arredi e sisma bonus.

Vediamoli nel dettaglio. La ristrutturazione della casa prevede una detrazione del è del 50% su una spesa massima di 96 mila per unità immobiliare (o per condominio, se l’intervento è sulle parti comuni), il bonus è dato sotto forma di detrazione Irpef da spalmare in dieci anni.

Qui rientrano anche le spese finalizzate alla sicurezza, al cablaggio dell’immobile, all’abbattimento delle barriere architettoniche, le spese per il risparmio energetico che non rientrano nell’ecobonus e la sostituzione degli infissi e l’installazione di tende da sole.

Per ciò che riguarda l’ecobonus invece la detrazione è pari al 65% in dieci anni per il risparmio energetico qualificato per una cifra massima di 100mila euro (che si ottiene su una spesa di 153.846 euro) e si applica sulla coibentazione termica degli edifici e quelle di minore entità sull’installazione dei pannelli solari.

Per gli interventi di coibentazione effettuati in condominio c’è una maggiorazione del bonus che può arrivare fino al 75% a seconda del miglioramento della prestazione energetica.

Questo è un aspetto molto interessante perché rende la tua casa più rispettosa dell’ambiente e, tramite l’uso delle fonti rinnovabili, puoi contribuire a creare un’economia circolare “pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera.”

Il sisma bonus è ovviamente riferito alle zone a rischio sismico e cioè “comuni in zona sismica 1, 2, e 3 e si traduce in uno sconto Irpef del 70% se i lavori che vengono effettuati portano al miglioramento di una classe sismica dell’edificio e del 75% se le classi guadagnate sono due. Il bonus sale di 10 punti se gli interventi riguardano le parti comuni dei condomini, arrivando all’80% con il guadagno di una classe e all’85% con il miglioramento di 2 classi. La cifra massima cui può essere applicata la detrazione è 96 mila euro, che salgono a 136 mila se i lavori in condominio portano anche a un miglioramento dell’efficienza energetica.” (corriere.it)

Per ciò che riguarda gli arredi ricordiamo che anche lo scorso anno si poteva approfittare di bonus sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici: il 50% su un tetto di 10mila euro che si applica all’acquisto di arredi o grandi elettrodomestici avvenuto a seguito di ristrutturazione dell’immobile.

Hai un giardino e anche quello merita qualche lavoretto? Anche qui puoi approfittare di una detrazione fiscale: si chiama bonus giardini ed è pari al 36% su una spesa massima di 5mila euro per lavori di manutenzione del verde (soprattutto nei condomìni ma anche nelle ville private), coperture a verde, giardini pensili, realizzazioni di pozzi e impianti di irrigazione.

Quante occasioni, quante possibilità per rendere più bella la tua casa risparmiando qualche euro e rispettando l’ambiente!

Speriamo di averti aiutato a orientarti un po’ in questa giungla di norme e novità. Se hai bisogno di una mano puoi contattarci!

Abbiamo personale altamente qualificato al tuo servizio!

Non ci conosci? Leggi la nostra storia:

“[…] Avere una propria azienda non è facile; spesso siamo afflitti dallo sconforto, troppi pensieri, troppe sono le cose da fare, i pagamenti continui, correre sempre per le riscossioni e tanto altro (i problemi che il 90% hanno le piccole medie aziende); ma nonostante i tanti problemi, avere una propria azienda è gratificante. Ti permette di realizzare i tuoi sogni, di raggiungere gli obiettivi e introdurre le proprie passioni attraverso il proprio lavoro.”

Se preferisci vedere con i tuoi occhi, ti inviato nel nostro borgo a Fara San Martino in provincia di Chieti (via Filippo De Cecco,2) oppure a inviarci una mail a info@valenteteknoimpianti.com per avere informazioni sui nostri servizi.

admin